Lavoro creativo

Come sopravvivere a una deadline?

ANSIA.

10 risposte

Personalmente non sono ancora riuscita a gestire l'ansia da deadline, quando c'è una deadline divento un po' pazza :) ma non dovrebbe essere così. Quando lavori le deadline sono all'ordine del giorno, è importante riuscire a stare calmi e a mantenere calmo il team di lavoro. Lavorare in gruppo è importante proprio per questo: in un team ci sono persone che generano ansia e altre che la calmano. Quando lavoro in team sono molto più tranquilla.

4 grazie

La vita è piena di deadline, se ci pensi. Un po' in tutto quello che facciamo c'è sempre una scadenza che va rispettata. All'inizio che hai meno esperienza la deadline può essere fonte di ansia, ma andando avanti impari che la soluzione è solo avere metodo per lavorare sulle priorità in base alle scadenze. Quindi saper gestire la propria settimana lavorativa in modo da assolvere le prime scadenze ed essere sincronizzato con il resto.

3 grazie

Si sopravvive a una deadline prenotandosi un weekend da qualche parte, per compensazione.

2 grazie

Le scadenze devi cercare di rispettarle sempre e l'ansia te la devi far passare, perché se ne hai troppa non riesci a fare nulla... Però un po' d'ansia ci vuole anche, perché dà il sale! Vicino alla scadenza dai il massimo perché hai l'adrenalina, dormi poco ma non importa. Però devi fare attenzione, perché se ci sono tante deadline ravvicinate devi avere l'energia per affrontarle, bisogna inventarsi la maniera di resistere. La programmazione è fondamentale ma è sotto data che dai il massimo, mi vergogno un po' a dirlo ma è lì che rendo di più!

1 grazie

Più che rispettarla, la scadenza è importante saperla gestire. Innanzitutto è bene partire da una pianificazione che non è: "Ok ci vediamo oggi e poi ci risentiamo quando ti consegnerò il lavoro", in mezzo ci devono essere step intermedi di confronto, consegne, validazioni. Questo fa sì che la deadline sia molto più possibile da raggiungere. Quando si fa la pianificazione è anche importante tenere sempre un margine, un cuscinetto per poter gestire un cambio in corsa, perché i cambi di requisiti succedono ed è la normalità. Aiuta a non farsi prendere troppo dall'ansia. A volte mi è capitato di riuscire con il cliente anche a spostare delle deadline, magari spiegando che avremmo potuto dettagliare meglio una proposta o concludere quella parte di requisito. Quindi a volte si è anche disponibili a spostarle, ovvio che è molto difficile spostare quegli incontri ai quali sono sedute al tavolo dieci persone.

1 grazie

Le scadenze nel lavoro sono molto importanti e ci si arriva preparati con la giusta organizzazione; l'ansia non porta a nulla.

1 grazie

Le deadline sono importanti ma bisogna sempre ricordarsi che non salviamo vite quindi non muore nessuno. Certo, è importante rispettarle, soprattutto con il cliente, perché se non lo fai rischi magari di non lavorarci più. L'importante è valutare all'inizio quello che puoi realmente fare. Ok l'urgenza, lo vuoi in poco tempo, benissimo: ho bisogno di dieci persone in più e quindi ti costa questo. Vuoi spendere meno? Te lo do tra due settimane. Piuttosto che fare male un lavoro per il poco tempo a disposizione è meglio dire di no, mantenendo però aperta la porta con il cliente.

1 grazie

Ho una grande fortuna perché penso di essere la persona meno ansiosa al mondo. In generale non ho quasi mai il problema dell'ansia, e il lavoro che faccio mi è congeniale anche per questo. Io adoro le deadline perché mi aiutano a rimanere focalizzato: sono un grande procrastinatore e quindi se ho un mese di tempo per fare un lavoro, è facile che lavori gli ultimi quattro giorni. Mi piace per esempio lavorare con i giornali perché quando un quotidiano ti dà poche ore per fare tutto, sei costretto a concentrarti e dare il massimo. L'ispirazione è la deadline, e viceversa la deadline può essere una grande fonte di ispirazione.

1 grazie

La deadline dev'essere – se si può – sempre condivisa con il cliente: spesso diventa un problema quando è un diktat. Bisogna chiedere al cliente qual è la sua deadline e poi capire se ci si sta dentro... E non vergognarsi, eventualmente, di dire che non ce la si fa! Parlando sinceramente con il cliente, può anche capitare che si decida insieme di spostarla a una data che vada bene a entrambi. Per sopravvivere all'ansia bisogna lavorare sodo e pensare che ce l'hai sempre fatta, quindi ce la farai anche questa volta.

0 grazie

La deadline, per quanto faccia paura, in realtà è un bene che ci sia perché ti permette di organizzare bene il lavoro e arrivare pronto alla scadenza. Che per definizione, va rispettata :) Non esiste che non si consegni in tempo, bisogna riuscire a prepararsi per arrivare in tempo. Che non significa abbassare la qualità del lavoro, significa calibrare e ottimizzare le risorse in base al progetto in questione e al risultato atteso. Nel processo creativo-progettuale le consegne sono positive anche perché ti fanno mettere un punto che altrimenti forse non metteresti mai.

0 grazie