In proprio

Se mi metto in proprio devo rinunciare al weekend?

No dai.

12 risposte

Negli ultimi due anni lavoro sempre ininterrottamente: notte, giorno, sabato, domenica, lunedì... Sempre! Sono in overbooking e purtroppo non sono strutturato per delegare, il mio lavoro riguarda me in prima persona, devo munirmi di assistenti e non è facile. Negli ultimi anni questa situazione ha iniziato a pesarmi, perché ho annullato la mia vita privata. Nella vita da pubblicitario riuscivo a organizzare il lavoro e a farlo terminare il venerdì per poi riprenderlo il lunedì. Qualche volta mi capitava di lavorare anche nel weekend, ad esempio alla contabilità, però complessivamente era un lavoro "regolare".

12 grazie

Da libero professionista, come capita a tutti, è successo di lavorare anche nei weekend. Però questa non deve diventare una prassi o una regola solo perché siamo freelance. Cerca di equilibrare i giorni lavorati con quelli di riposo e vedrai che riuscirai a ritagliarti il tempo che desideri. Nessuno vieta di prenderti un mese di ferie se hai già raggiunto i tuoi obiettivi di fatturato.

5 grazie

Se lo fai continuativamente, di lavorare nel weekend, vuol dire che stai sbagliando qualcosa. Nel tuo modo di lavorare, nel mercato in cui sei o nel modo di proporti.

3 grazie

Il nostro lavoro va un po' a fasi, quindi non bisogna preoccuparsi troppo se un weekend lavori, magari quello dopo no. O magari può capitare per un periodo, uno o due mesi. Non dovrebbe essere un problema, se invece diventa un peso forse il lavoro in proprio non fa per te. Personalmente non lo vivo come un grande peso, quello che faccio per me è anche una passione e una scelta. Dall'altro lato bisogna però essere in grado di darsi dei limiti, anche rispetto alle richieste dei clienti, e con il tempo ci si organizza sempre meglio. Non bisogna essere negativi se capita di lavorare nel weekend ma cercare di essere propositivi, affrontare la questione e organizzarsi al meglio.

2 grazie

Questa è una domanda difficile per me, perché le mie passioni le faccio diventare lavoro e quindi è difficile, per me, distinguere il tempo libero dal lavoro. Chi fa creatività tende a vivere situazioni "ibride"... Ad esempio una mia passione è la montagna, però mi accorgo che mentre cammino penso anche al lavoro! Quindi insomma, ognuno deve trovare qual è la propria misura in questo. Posso dire che nell'ibrido non si soffre particolarmente, perciò si può sopravvivere :)

1 grazie

Quando uno inizia certo, i sacrifici ci sono, magari lavori fino alle 4 di notte per le consegne, perché vuoi fare il progetto più figo del mondo che sarà poi la carta da giocarti con il prossimo cliente. Oggi io non faccio mai un weekend di lavoro perché è stata una scelta. C'è stato un punto della vita in cui questo marasma di vita professionale, vita personale, ambizioni, mi ha sconclusionato. Ho capito che era il momento di dare delle priorità nella mia vita e ho deciso che i weekend me ne vado in montagna.

1 grazie

Lavorando in proprio bisogna avere un'ottima organizzazione e grande autocontrollo per riuscire a gestire bene il proprio tempo.

1 grazie

Ho avuto la partita IVA ma mi è capitato di lavorare molto nel weekend quando ho fatto il dipendente, a causa di mala organizzazione a livello aziendale.

0 grazie

Soprattutto all'inizio sì, metti in conto di rinunciare al weekend. Ricordandoti però che non puoi rinunciarci per sempre: bisogna anche ritornare ad averli, i weekend. Però la prima fase, soprattutto se non hai aiuti, è molto, molto dura. Forse trasformerei la domanda in: "Se mi metto in proprio dovrò essere flessibile?", allora assolutamente sì, la flessibilità è tutto. Mi capita di lavorare tre weekend di seguito e poi di prendermi una settimana di pausa. Purtroppo o per fortuna è così, se vuoi avere orari fissi, tutto perfettamente programmato, se ti metti in proprio non è possibile.

0 grazie

Fare il freelance vuol dire che posso decidere quando lavorare, quindi è una scelta se farlo nei weekend o solo durante la settimana. Così come è una scelta dire: "Questa settimana lavoro 7 giorni su 7 perché ho una scadenza serrata e mi va bene così". È importante, per un freelance, accordarsi molto bene col cliente sulle tempistiche ed evitare fraintendimenti in corso d'opera, perché è questo che poi fa saltare i weekend. Quindi definisci delle tempistiche col cliente, definite quale sarà la data di consegna, cosa sarà incluso nel progetto e cosa verrà consegnato. È fondamentale, altrimenti il rischio di saltare i weekend aumenta.

0 grazie

Prima lavoravo tantissimo anche nei fine settimana, poi a un certo punto mi sono detto che no, basta, non lavoro più nei weekend. Ultimamente, per alcune emergenze all'ultimo minuto, mi è capitato di mettere le mani su lavori a orari abbastanza improbabili, però so che è sbagliato. È sbagliato perché diventa inestimabile – cioè proprio non stimabile – il tipo di lavoro che stai facendo. Non è una cosa buona, anche per la qualità del lavoro stesso. A noi sembra che stiamo lavorando e producendo di più, invece non è vero, stiamo producendo di meno. Anche in termini qualitativi. Quindi è meglio uscire con il compagno/compagna (o qualunque altra forma di accompagnamento tu abbia), andare al cinema o a mangiare una cosa fuori e poi rimetterti a lavorare, piuttosto che continuare a lavorare a testa china per generazioni continue.

0 grazie

Da libero professionista magari rinunci al weekend, però ti guadagni un lunedì o un giovedì! Devi imparare a mettere dei paletti per gestire il tuo tempo in autonomia. C'è chi fa il mio lavoro e quando va in vacanza spegne tutto perché per lui funziona bene così. Io quando vado in vacanza mi porto comunque quello che mi serve nel caso in cui dovessi lavorare, poi magari non faccio niente ma sono più sereno così. Dipende come funziona meglio per te, in ogni caso se vuoi ritagliarti dei momenti trovi sempre il modo di farlo.

0 grazie